top of page

a story question (una domanda di storia)

Anonymous

April 26, 2023

a story question (una domanda di storia)

This image was generated with Dream Studio AI.

Ieri mia nipote mi chiedeva come era scoppiata la guerra del Donbass. Mi sono reso conto che il nostro abacadabra, come volgarmente si chiama l'AI che risponde alle nostre richieste informativa, fornisce una versione molto semplificata dei fatti, anche perché oramai la guerra è divenuta da dieci anni una di quelle parole d'antan di un'altra epoca sulla quale c'è quasi una forma di pudore a parlarne. Eppure se ripenso a quelle giornate mi rendo conto che i timori non solo miei erano che quell'invasione dell'Ucraina potesse degenerare nella terza guerra mondiale. Ed invece non fu così ma ci vollero ben 450 giorni di atroci ed inenarrabili dolori e sofferenze, perché quasi per incanto noi tutti decidemmo di smettere di essere schiavi delle nostre fragilità di specie vivente e di delegare il nostro destino a gruppi di individui con interessi personali troppo egotistici ed avidi, devoti unicamente al Dio Danaro. Certamente, i tanto vituperati social dell'epoca ebbero un ruolo determinante per diffondere in brevissimo tempo l'appello degli studenti e delle studentesse delle città assediate in Ucraina per un mondo di pace. Ma non fu solo la tecnologia dell'epoca a determinare il cambiamento. In quelle interminabili giornate di guerra nella grancassa assordante della propaganda di guerra, quando l'odio alimentava ogni nostra azione sociale la nostra profonda identità di specie ebbe un sussulto quasi primordiale. Eravamo restati troppo tempo silenti nelle micro realtà per renderci conto che dovevamo fare un salto evolutivo ed abbandonare la nostra primordiale paura di essere sopraffati dalla Natura e dall'ignoto. Potevamo affrontare l'ignoto, lo sconosciuto e il diverso solo riconoscendolo simile tanto da risultare parte di ciascuno di noi. Appartenere al genere umano divenne il tratto distintivo della stragrande maggioranza degli abitanti di ogni continente. Questa nuova coscienza partì da gruppi di cittadini e cittadine dei belligeranti che iniziarono a tempestare di messaggi tutte le istituzioni pubbliche della propria nazione con la richiesta di interrompere ogni ostilità. Parallelamente nei paesi non belligeranti i server istituzionali erano intasati da richieste di convocare i parlamenti nazionali per discutere una serie di misure per aumentare le spese in sanità istruzione trasporti, energie rinnovabili ed edilizia residenziale pubblica. Nessun gestore fu in grado di arginare la mole di comunicazioni generando un crash continentale dei sistemi di comunicazione telematica: i comandi militari si ritrovarono ad essere gli unici funzionanti ma nel contempo improvvisamente sovraccaricati dal dirottamento di tutti i canali comunitativi civili e commerciali. I capi di governo europei si sentirono improvvisamente incapaci di gestire la situazione e decisero di proclamare lo stato d'emergenza. FuI la decisione fatale perché i capi di stato maggiore si rifiutarono di eseguire gli ordini, coscienti che un comando simile avrebbe determinato una diffusa disobbedienza civile tra i loro sottoposti in assenza di una concreta minaccia. La sequela degli eventi successivi a rivederla a 18 anni di distanza è molto simile ad un tutorial sulle cose da non fare se non vuoi perdere totalmente la tua reputazione. All'epoca il consenso si costruiva sulla capacità di movimentare danaro nelle piattaforme telematiche e quindi l'improvviso blocco telematico di un continente determinò lo scredito totale delle classi dirigenti di governo. E nel contempo i combattimenti cessarono per mancanza di ordini precisi e il black-out comunicativo tra i reparti. Inoltre i combattenti nelle aree urbane si resero conto di quanto stava accadendo perché la persone invece di fuggire venivano incontro a loro urlando di abbassare le armi perché la guerra era finita. E così dopo 450 giorni la guerra terminò per semplice abbandono del campo di battaglia da parte dei combattenti. Il giorno dopo file di soldati russi rientravano nel loro territorio nazionale e dirigendosi verso le proprie famiglie. In maniera simmetrica i soldati ucraini e i loro alleati ritornavano a casa. Nessuna nazione europa aveva un governo in carica; tutti i governanti si erano dimissionati; in alcuni paesi i parlamenti erano in sessione permanente mentre in altri avevano nominato d'emergenza un governo d'unità nazionale. Il diluvio mediatico continuava senza sosta e i provider avevano deciso di aprire tutte le socket eliminando i firewall. Un zettabyte al secondo di dati circolavana nei server istituzionali europei. Tutti erano impegnati a chiedere le stesse identiche cose: i parlamenti convocati per discutere di come costruire budget nazionali rivolti a fornire un accesso universale a salute, istruzione, energia rinnovabile, trasporto sostenibile e abitazione decorosa. Per mia nipote questo racconto risultò bislacco se non sconclusionato. Lei sapeva che i governi europei e poi quelli mondiali davanti all'imminenza di un conflitto nucleare decisero d'interrompere le ostilità ed avviare un negoziato per una nuova dichiarazione dei diritti del genere umano. Essa fu partorita dopo solo due mesi di trattativa e ratificata da tutte le nazioni della Terra. Tre mesi dopo la ratifica iniziava la distruzione di tutte le armi nucleari e di distruzione di massa inclusi i killer-robot. L'Europa federata di oggi da Lisbona a Vladivostosk fu la naturale consequenza di quella decisione. Le alleanza militari si dissolsero per lasciare spazio a quelle commerciali e i governi nazionali riconobbero ogni minoranza etnico-linguistica come soggetto autonomo per tutto quello che concerne il proprio ecosistema. I governi nazionali e locali erano sottoposti ad elezione diretta telematica da tutti i residenti di un territorio sulla base delle loro dichiarazioni programmatiche e controllati da parlamenti a loro volta eletti telematicamente che continuavano la loro funzione legislativa. Oggi essere un parlamentare significa controllare per conto della propria comunità i governanti e tradurre in leggi l'operato del governo ogni qualvolta corrisponde alle dichiarazioni programmatiche. In caso contrario convocare telematicamente gli elettori e le elettrici per conoscere il loro consenso verso provvedimenti non programmati. Per mia nipote che quasi una volta al giorno risponde a quesiti posti dai parlamentari che ha eletto sembra impossibile che io dovessi attendere lo scioglimento delle aule parlamentari per esprimere il mio voto. Ecco perché ho smesso di raccontare e ho preferito che le mie vetuste visioni della società lasciassero spazio alle semplici spiegazioni di abacadabra. Adesso posso ritornare al mio consueto viaggio sublimale alla ricerca del senso della vita.

326

0

0


Be part of the foresight community!

The future is shaped by our ideas and our actions today. Tell us about your visions of the future and help us create a futures narrative aimed at inspiring citizens, policy-makers and foresight experts alike!

Let’s make your vision of the future matter!

Write your future story and answer a few questions

Become a member of our growing Futures4Europe community

Find out what others think by exploring other contributions

Take a look at the #ourfutures dashboard for some numbers

Your story, and those of others, are presented to EU policymakers

related stories

1548

0

2

hallo
A better place for the world.

Anonymous

In the future i see Sustainable practises becoming more commonplace, redefining our interaction with the environment. Renewable energy, eco-friendly transportation, green areas, sustainable agriculture, and trash reduction are all projected in the future. I see the world being better and cleaner. That future would be nice as the roads would be clean and have no trash.

1156

0

1

hallo
Transformation Era

Anonymous

life in 2040 I am hoping for better changes and improvement in our government because our government is slowly ruining our country with corruption in the departments, there must be improvements, especially in health living, public clinics are providing poor service also the health workers behavior is the worst they need to treat patient well with respect and stop undermining the poor because they also need to be treated with care. Social justice must be well-implemented, be improved more especially on crime, the crime rate is very high in South Africa and we no longer feel safe walking around whether in daylight or at night, something should be done about the youth that turn into criminals instead of studying or doing something legit to make a living. car hijacking, money heists, fraud, corruption, and gadget robbery are the most dominating crimes that need a permanent change. I would describe the future as a life of improvement especially in education (fees and safe space that has no discrimination, racism, and equality). In governance, I am looking at a future that has improved facilities and leadership skills. better working environments, and job creation that will minimize crime, there shouldn't be a thing of hiring people because they are friends, relatives, or some sort of connection. everyone should be given a chance to work and use their qualifications without age restriction.

745

0

1

hallo
An integral Europe that revitalises its spiritual roots (Ein integrales Europa, das seine spirituellen Wurzeln wiederbelebt)

Anonymous

Following a longer dialogue in the sense of a dialogical aesthetic in the Antrhopociene (the working title of my artistic research) with ChatGPT, the following vision emerged: In 2040, Europe has undergone a profound transformation and has become a model of regeneration, spirituality, peace and an integral world vision integrating European and non-European indigenous wisdoms. This vision shows how civil society processes and the public interest economy are involved in this transformation process: 1. Participatory communities: European cities and regions have developed a culture of active participation and participation. Citizens shape local decisions and projects, leading to vibrant and committed communities. 2. Public service enterprises: Europe has experienced a blooming period of companies in the public interest. In addition to profit-making, these companies actively promote social and environmental responsibility and promote fair working conditions. 3. Education for sustainability: The education system in Europe emphasises the importance of sustainability, ethics and social engagement. Schools and universities encourage students to work for environmental protection, peace and the common good. 4. Ecological neighbourhoods: European cities have become ecological neighbourhoods where sustainable construction and renewable energy are promoted. People live in green communities and share resources. 5. Cultural diversity and integration: Europe has experienced a cultural renaissance characterised by the integration of diverse cultural influences. Artists and creators from different backgrounds enrich the cultural landscape. 6. Intergenerational dialogue: Society promotes intergenerational dialogue and respects the knowledge and experience of older people. Communities are characterised by a sense of attachment between the young and the old. 7. Health and prevention: Europe has focused on preventive medicine and holistic healthcare. People pay attention to their physical and mental health and use natural curative methods. 8. Global cooperation: Europe is actively working with countries and regions around the world to address global challenges. Together, they are committed to peace, environmental protection and social justice. 9. Regenerative agriculture: European agriculture has embraced regenerative practices that restore soils and promote biodiversity. Farmers use organic farming methods. 10. Indigenous wisdoms and common good: Europe has integrated indigenous wisdoms from different cultures and uses them as a source of inspiration for community projects, environmental protection and social justice. These wisdoms emphasise the importance of the balance in nature and the common good. Civil society processes and the public interest economy have played a crucial role in shaping and promoting this holistic vision for Europe in 2040. They have shaped a society based on values such as cooperation, sustainability, social justice and respect for nature. Europe lives in line with the spiritual dimensions of life and honours the diversity of indigenous wisdoms that contribute to regeneration, peace and harmony.

951

0

1

hallo
We are all human truth (Somos todos humanos de verdade)

Anonymous

Equity and social justice: universal wage means legislation that makes it part of a wealth of wealth directed towards hunger eradication programmes and healthy living environments for populations in need of infrastructure. Economies with free competition and lower capital concentration.
bottom of page